web analytics
loader image

In questo articolo analizziamo alcuni aspetti chiave riguardanti l’uso delle vernici, sfatando alcune convinzioni errate. Il primo parametro da considerare è lo spessore a secco del prodotto applicato. L’obiettivo della vernice è fornire protezione nel tempo e mantenere l’aspetto estetico del manufatto verniciato. Il termine “ciclo” si riferisce all’insieme dei prodotti utilizzati e al loro spessore applicativo, poiché sia il numero di prodotti impiegati sia l’ordine di applicazione e lo spessore di ciascuno sono determinanti per preservare le caratteristiche originali della verniciatura e prevenire danni come corrosione e degrado del supporto.

Lo spessore applicato è fondamentale per la durata e il raggiungimento dei migliori risultati, e deve essere rapportato al tipo di supporto e alla sua destinazione. Ad esempio, i manufatti ferrosi esposti all’esterno, in ambienti industriali o salini, necessitano di spessori maggiori e di un ciclo che comprenda fondo, intermedio e finitura. Invece, supporti in lega, zincati, in alluminio, vetroresina, o manufatti destinati a interni richiedono spessori minori perché meno soggetti a fenomeni corrosivi. Lo stesso vale per i materiali lignei esposti all’esterno: spessori eccessivi possono essere dannosi, mentre è essenziale una manutenzione regolare.

Resa dei Prodotti Vernicianti

La resa di un prodotto verniciante dipende direttamente dallo spessore applicato. A titolo di esempio, con un chilogrammo di vernice, se si coprono 10 metri quadri con uno spessore di 30 micron, applicando uno spessore di 60 micron si copriranno solo 5 metri quadri. Sebbene questo sia intuitivo, nella pratica chi applica la vernice difficilmente riesce a determinare con precisione gli spessori, e ci sono spesso perdite di prodotto dovute a over spray o a spessori disomogenei. Questi problemi sono legati alle condizioni ambientali e alla precisione di chi applica la vernice.

Questo ci porta a considerare le percezioni errate riguardanti la resa dei prodotti vernicianti. Un prodotto con un elevato potere coprente può sembrare avere una maggiore resa, ma in realtà ciò potrebbe essere dovuto a spessori applicativi inferiori. Tale situazione può dare una falsa impressione di alta resa, quando invece gli spessori applicativi richiesti per una corretta protezione potrebbero essere più alti.

Parametri di Valutazione

I parametri da considerare per valutare la corretta resa di un prodotto verniciante rispetto a un altro sono principalmente due:

  1. Residuo Secco (RS): indica il valore di solidità del prodotto.
  2. Densità Relativa (DR): nota anche come peso specifico.

La formula per calcolare la resa (R) è: R = RS/DR

Questa è l’unica formula che deve essere considerata per valutare la resa di un prodotto verniciante. Altri fattori come il potere coprente possono influenzare le percezioni, ma non sono validi per determinare la reale resa del prodotto. Dunque, spessori applicativi corretti e una valutazione accurata del residuo secco e della densità relativa sono fondamentali per una corretta analisi della resa dei prodotti vernicianti.

Articolo scritto da: P.to ind.le Massimo Rubbi – membro A.I.T.I.V.A. Regione Emilia Romagna – CTU n. 48 Tribunale di Piacenza. Tel: 0039 3289205637